Privacy Policy Tarquinia, in Provincia pensano all'erosione della costa - MediaPress
giovedì , 29 Luglio 2021
Home / Ambiente / Tarquinia, in Provincia pensano all’erosione della costa

Tarquinia, in Provincia pensano all’erosione della costa

E’ il caso di dirlo: stavolta “da Viterbo” hanno pensato a noi.

Si è svolto infatti oggi il Consiglio Provinciale straordinario avente come oggetto principale l’adozione di interventi urgenti per mettere in sicurezza la costa di Tarquinia e Montalto di Castro dal fenomeno dell’erosione.

La Provincia di Viterbo si è impegnata a costituire una cabina di regia sui temi ambientali, inclusi quindi quelli riguardanti la costa, che vedrà come protagonisti la Provincia, la Regione Lazio, i Comuni e le associazioni di categoria. Al riguardo su alcuni media sono comparse le seguenti dichiarazioni del Presidente della Provincia Pietro Nocchi, Sindaco di Capranica e noto volto di centro-sinistra:

“Era necessario intervenire con urgenza su questo tema, che affligge sia le coste provinciali che il settore turistico balneare già gravemente in crisi a causa della pandemia. Mi impegnerò personalmente per l’istituzione ed il coordinamento della cabina di regia provinciale.”

E stesso da quel di Viterbo viene diramata la nota di FDI che parla dell’operato del Consigliere Comunale viterbese Gianluca Grancini in Provincia, e che riproponiamo a seguire:

“Questa mattina, a seguito dell’ordine del giorno presentato dal consigliere di FDI Grancini, l’ Amministrazione Provinciale si è impegnata a porre in essere i necessari e urgenti interventi straordinari a salvaguardia dell’ambiente e a supporto delle attività che si svolgono lungo la costa tirrenica della provincia di Viterbo e che rappresentano una straordinaria risorsa per il nostro territorio che oggi, più di altri settori, rischia di veder vanificata la prossima stagione in assenza di azioni concrete ed immediate. Ben venga, quindi, la decisione assunta dal Consiglio. A noi la soddisfazione di aver contribuito a dare una risposta alle richieste delle amministrazioni e degli operatori”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *