Privacy Policy Tarquinia, arriva la petizione contro l'inceneritore. Ecco come firmarla e cosa fare
venerdì , 7 Maggio 2021
Home / Ambiente / Tarquinia, arriva la petizione contro l’inceneritore. Ecco come firmarla e cosa fare

Tarquinia, arriva la petizione contro l’inceneritore. Ecco come firmarla e cosa fare

Arriva la petizione “#STOPINCENERITORETARQUINIA – Chiediamo l’archiviazione del procedimento autorizzativo. La salute prima di tutto”.

Una petizione per chiedere alla Regione Lazio, e all’assessore Massimiliano VALERIANI, di ritirare il progetto del mega inceneritore che A2A Ambiente S.p.a vorrebbe realizzare a Tarquinia; un mega impianto, che si prevede si estenda per una superficie di 433.478 mq., con la costruzione di mc 866.956 di volumi impiantistici di cui una ciminiera alta 70 mt., che prevede 2 FORNI con una potenza complessiva di 200 Mwt che bruceranno 62 T/ora per un totale di 540.000 Ton/anno di rifiuti speciali non pericolosi, produrrà 122.000 tonnellate/anno di ceneri pesanti e 40.000 tonnellate/anno di ceneri leggere di risulta dalla combustione, con un traffico di 32.698 camion per il trasporto dei rifiuti, circa 90 camion al giorno.

Questo il link per firmarla: http://chng.it/Qc72GjQ2fM

Ovviamente firmare la petizione è il primo passo, ma non è sufficiente: per far sì che l’azione possa essere potente devono esserci moltissime firme, dunque è fondamentale anche condividerne il link sui social e su whatsapp e chiedere ai propri conoscenti ed amici di sottoscriverla e diffonderla.

La petizione è promossa da Italia Nostra Onlus sezione Etruria, Associazione Forum Ambientalista ODV, Lipu Birdlife, Comitato per il diritto alla mobilità di Tarquinia, Comitato Farnesiana 100%, Comitato per la difesa della valle del Mignone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *