Privacy Policy Tarquinia: gli interrogativi che avremmo voluto porre al neo assessore all'ambiente Marzia Marzoli - MediaPress
giovedì , 6 Maggio 2021
Home / Politica / Tarquinia: gli interrogativi che avremmo voluto porre al neo assessore all’ambiente Marzia Marzoli

Tarquinia: gli interrogativi che avremmo voluto porre al neo assessore all’ambiente Marzia Marzoli

TARQUINIA- È Marzia Marzoli, il nuovo assessore del Comune di Tarquinia. A lei la delega per il benessere animale e per l’ambiente. A Betzi Zacchei, invece la delega alla pubblica istruzione, per la quale dovrà riferire direttamente al Sindaco, il quale tiene per sé la delega ai servizi sociali. Era stata annunciata una conferenza stampa di presentazione ma al termine di una giornata convulsa, poco dopo le 23 di venerdì sera, una nota del Comune di Tarquinia ha annunciato la nomina annullando l’incontro con i giornalisti. Qualche gola profonda nella giunta e qualche spiffero di troppo, avrebbero mandato su tutte le furie il primo cittadino. Un vero peccato, perché sarebbero stati tantissimi gli interrogativi da porre al neo assessore. Chi si occupa di politica potrebbe leggere questa nomina come una prova di forza verso i vertici provinciali della Lega. Il motivo? Mentre i vertici provinciali spingono per il completamento della trasversale, l’assessore Marzoli da sempre combatte la realizzazione di questa opera, avendo più volte sostenuto apertamente e pubblicamente di essere favorevole ad un ammodernamento dell’Aurelia Bis. In aggiunta a ciò, il consiglio comunale si è espresso con la volontà del completamento della Traversale purché il tracciato non invada la Valle del Mignone. Ora sarà da vedere se il neo-assessore sarà coerente con le sue idee o se porterà avanti quanto deliberato dal consiglio. Marzia Marzoli, attivista e ambientalista, in prima linea nelle battaglie a tutela del territorio non è la prima volta che si affaccia alla scena politica. Inizialmente sostenitrice del centro-sinistra, in aperto disaccordo con l’allora Sindaco Mazzola ha creato un movimento candidandosi a Sindaco, poi un passaggio nel 5 stelle. Ora si trova all’interno di un governo a simbolo Lega. Altro nodo da sciogliere sarà quello del rapporto con i balneari. Il Sindaco più volte ha attaccato gli operatori balneari, categoria di appartenenza anche della Marzoli, accusandoli di non aver costituito un consorzio nel quale mettere da parte dei fondi per un eventuale ripascimento. Resta da capire se la Marzoli è d’accordo ed in caso affermativo perché non ha mai portato avanti in questi dieci anni l’idea del consorzio. E poi ancora i nodi Saline, pulizia delle spiagge (previste anche nel periodo invernale), incuria. Ed ancora la problematica delle barriere a difesa degli stabilimenti; circa l’80% degli operatori che la pensano diversamente dalla Marzoli. E poi il nodo bando rifiuti. Una nomina che va a ridurre anche l’ambito di azione dell’assessore Roberto Benedetti. Infine chi ha sperato fino all’ultimo nell’assessorato, ne esce fuori con una delega che suona tanto come contentino. Betzi Zacchei sarà l’unico consigliere ad avere un incarico. Per lei la rognosa delega alla pubblica istruzione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *