Privacy Policy Didattica a distanza, smartworking... tutto ciò che c'è da sapere sui pc ed alcune opportunità per i tarquiniesi
domenica , 24 Ottobre 2021
Home / Rubriche / Didattica a distanza, smartworking… tutto ciò che c’è da sapere sui pc ed alcune opportunità per i tarquiniesi

Didattica a distanza, smartworking… tutto ciò che c’è da sapere sui pc ed alcune opportunità per i tarquiniesi

Il 2020 è stato l’anno in cui il computer è diventato ancor più fondamentale di quanto fosse stato prima.

Abbiamo avuto a che fare con la didattica a distanza, studenti ed alunni sempre più hanno dovuto approcciarsi alle lezioni via web, sono aumentati i meeting a distanza, si è fatto un largo utilizzo del modello smartworking, e probabilmente la pubblica amministrazione andrà verso la permanenza di una simile pratica anche passato l’attuale periodo.

Abbiamo pensato di offrirvi un approfondimento sul mondo dei pc consultando un esperto tarquiniese, Leonardo Sileoni, proprietario di LeoTech, negozio del Top 16 che si occupa di vendita, assistenza e riparazioni su PC, smartphone, stampanti e web.


Leonardo, con il lockdown avere un pc è diventato ancora più importante per via dell’aumento dello smartworking e della didattica a distanza; ma un pc “medio” che caratteristiche minime deve avere?

Al giorno d’oggi, un pc in grado di soddisfare le esigenze di un utente medio (scuola/lavoro) deve avere almeno determinate caratteristiche:

  • un buon processore di fascia media, come un Intel Core i3 o un AMD Ryzen 3, che permette di svolgere egregiamente la maggior parte delle operazioni;
  • almeno 4 GB di RAM, per permettere una costante fluidità nell’utilizzo dei vari programmi;
  • un disco di memoria SSD, molto più veloce della vecchia tipologia di memorie di massa (HDD).

Qual’è il range di prezzo entro cui si colloca un pc adeguato ad uno studente?

Per un PC come quello descritto poc’anzi, momentaneamente, i prezzi oscillano tra i 400 e i 500 euro (il tutto senza pacchetto Office e antivirus di qualità).

Quali sono i problemi principali in cui potrebbe incorrere un utente medio nell’utilizzo classico del pc per studio o lavoro e quali accorgimenti consigli?

Scegliere la configurazione adatta alle proprie esigenze è la prima cosa da fare.
L’acquisto di un PC non abbastanza performante costringerebbe l’utente ad imbattersi in problemi sia tecnici che economici.
Suggerisco vivamente di affidarsi ad un tecnico, anche per un semplice consiglio.

E’ meglio acquistare un pc online o in un negozio “fisico”?

Ritengo che la scelta migliore sia quella del negozio fisico! Nel mio caso, i PC che vendo sono completi al 100%, pronti all’uso per qualsiasi tipo di utente. Oltre alla macchina, nel servizio sono compresi anche un abbonamento antivirus, un pacchetto Office ed una pratica borsa in omaggio… ed il tutto ad un prezzo molto vantaggioso rispetto alle grandi multinazionali.
La cosa più importante resta comunque l’assistenza: un negozio fisico ci offre l’opportunità di affidarci ad uno specialista pronto ad aiutarci nel momento del bisogno (o almeno, questo è ciò che succede da LeoTech, caratteristica che rende il mio negozio molto amato dai clienti!).

Cambio della pasta termica 🧹…#Tarquinia #montalto #civitavecchia #roma #viterbo #electronics #technology #tech #electronic #device #gadget #gadgets #instatech #instagood #geek #techie #nerd #techy #photooftheday #computers #laptops #hack #screen #electroluc

Pubblicato da Leo Tech – Centro Assistenza Informatica su Venerdì 14 agosto 2020

 

E se in casa si ha un pc vecchio, come si può smaltirlo?

Se in casa si ha un vecchio pc e lo si vuole smaltire, bisogna recarsi all’isola ecologica e gettarlo negli appositi contenitori.
Tuttavia, un “ferro vecchio” si può sempre rimettere in sesto. Infatti, nel giro di un anno, da LeoTech sono stati “resuscitati” e rimessi a nuovo più di 150 computer ad un costo sempre inferiore a 100 euro: insomma, come si dice qui “nse butta gnente”. Scherzi a parte, sono molto orgoglioso del contributo che sono riuscito a dare aiutando tante famiglie di Tarquinia e zone limitrofe ad adattarsi alla nuova organizzazione del lavoro e dello studio durante l’emergenza Covid.

Ultimissima domanda: secondo te stiamo andando verso una “informatizzazione” sempre più ampia?

L’informatizzazione non è un lusso, bensí una necessità: sono molteplici i vantaggi che si possono ottenere attraverso l’informatizzazione, sia per quanto riguarda le aziende che i privati.
Bisogna sfruttare al meglio le potenzialità del web, dei social e dei gestionali: sono facili ed accessibili a tutti.

Mediapress ringrazia Leonardo Sileoni, e vi ricorda, per ogni approfondimento, il suo numero: 3883517713

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *