Privacy Policy Tarquinia: buche, dissesti e penombra nel parcheggio libero accanto alle Dasti
domenica , 24 Ottobre 2021
Home / Attualità / Tarquinia: buche, dissesti e penombra nel parcheggio libero accanto alle Dasti

Tarquinia: buche, dissesti e penombra nel parcheggio libero accanto alle Dasti

Ieri abbiamo osservato come al parcheggio a pagamento su via Volpini (Barriera San Giusto) l’illuminazione fosse carente.

Oggi proseguiamo l’approfondimento spostandoci di poco più di 100 metri: ci occupiamo del parcheggio libero su Circonvallazione Cardarelli, accanto alle scuole Dasti.

Parcheggio che negli ultimi mesi (come avevamo già previsto in un nostro approfondimento di Ottobre 2020) è diventato molto frequentato, e dove in varie fasce orarie sono occupati sia tutti gli stalli di sosta che le aree non utilizzate per il transito.

Arrivando al parcheggio è d’obbligo accedere alla minima velocità possibile, cercando di schivare tutte le buche ed i dissesti. Le macchine di tipologia sportiva o in genere quelle più basse, infatti, anche procedendo a velocità moderatissima se entrano con un pneumatico in una delle buche rischiano di toccare il suolo con la parte bassa della carrozzeria.

Le immagini scattate questa sera (2/12/2020) evidenziano bene lo stato dei fatti. Si noti come buche e dissesti siano ben visibili con la pioggia, poichè si riempiono di acqua, ma lo siano molto meno quando asciutti. Avevamo illustrato la situazione già lo scorso 10 Ottobre (clicca qui per leggere quell’articolo): purtroppo da allora le cose sono finanche peggiorate.

Ad aggravare la situazione, l’illuminazione in parte spenta o non funzionante (non sappiamo quale delle due). Già in un approfondimento del 7 Ottobre scorso (per leggerlo clicca qui) avevamo evidenziato questo disservizio, purtroppo rimasto immutato anche a distanza di due mesi.

Fa’ pensare come questo piccolo parcheggio sia molto vicino a zone interessate dalla recente azione pubblica: meno di 60 metri dalla statua sui cavalli alati di Patrizio Zanazzo, appena sopra il luogo in cui Guido Sileoni sta disegnando la sua splendida opera d’arte, al confine con la scuola Media Dasti.

Insomma, sembra che l’azione pubblica continui ad arrivare vicinissima a questo piccolo ma importante parcheggio, ma senza toccarlo. Staremo a vedere l’evoluzione della situazione.

 

 Ei Marcantonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *